PRE CONCERTO….


Cavolo , domani suono.
No, non il citofono, la chitarra.
Sono sempre emozionato il giorno prima del concerto.
Mi vengono i sudori freddi, la tosse, la febbre asinina, le pustole.
Mi sudano le mani, lo strumento si trasforma in un anguilla viscida.
Non importa  se non e’  San Siro o l’arena di Verona.
Non importa se e’ solo la festa di pensionamento di un collega ed il novantacinque per cento delle persone le conosco molto bene, anzi, e’ proprio per quello.
E poi, la sala sara’ gremita e ci saranno almeno centocinquanta  persone.
Centocinquanta teste rivolte verso il palco, trecento occhi (pardon, duecentonovantanove: ho un collega che e’ guercio da un occhio) puntati sulla mia acustica elettrificata, centocinquanta bocche pronte ad urlarmi contro epiteti irripetibili.
Un attimo, cacchio…devo fare trenin autogelo, o come diavolo si chiama training autogeno (ho sbirciato su wikipedia confesso)..chiudo gli occhi , respiro profondamente…ecco ci sono :
dopo un inevitabile ed umano attimo di emozione, il plettro sfiora le corde ed il suono attraversa i cavi, l’ampli ed entra magicamente nelle orecchie di quegli storduti.
Trasformo quegli epiteti in urla entusiasmanti.
Mi sento come Brian May a Wembley o Mark knopfler in Alchemy…
Me la sto tirando di brutto mentre tutte le ranze della sala fanno a gara per venire sotto il palco ai miei piedi….
Ed alla fine, nel trionfo, lancio plettri alla platea e firmo autografi mentre la piu’ gnocca della serata mi lancia sguardi di fuoco.
A domani dunque….sara’ una notte memorabile.
Ora mi sento piu’ sicuro!!!
Ma, per favore, non fatemi gli auguri…porta di una sfiga!!

by Flavio
Annunci

8 Risposte to “PRE CONCERTO….”

  1. Stai tranquillo, e’ solo uno strascico degli effetti della Musicoterapia del tuo post precedente quello che senti in pancia… di tuo “andrai alla grande”!!!!

  2. Ma il bello è proprio questo: l’attesa, l’adrenalina che scorre nelle vene, la paura che dall’ansia nasca un attacco di colite! Mi raccomando, non entrare troppo nel ruolo del rockettaro dannato: potresti finire a staccare a morsi la testa ad un pipistrello oppure – in termini economici sarebbe peggio – spaccare la chitarra contro l’amplificatore, prendere a testate il muro per poi poter dire di essere andato a casa con la gnocca….

  3. Grande Flavio! Hai l’ansia della prestazione, è normale! Ed è anche una bellissima emozione! In bocca al lupo!!!!!

  4. l’acustica elettrificata per tirar su gnocca non è la migliore…fidati

  5. Come é andata? Speriamo come nel tuo sogno.

  6. Allora com’è andata?
    Io sono un piccolo autodidatta della chitarra (che sta da tempo in cantina) ma devo dire che se avessi più tempo frequenterei volentieri una scuola di musica.
    La chitarra è davvero una ficata!

  7. Grazie a tutti ragazzi.
    Il concerto e’ andato alla grande.
    Il collega si e’ commosso o almeno io l’ho visto piangere..spero non per la musica!!!
    E’ stato un trionfo e pazienza (caro Oscar avevi ragione) se la gnocca latitava , io due splendide principesse (mia moglie e mia figlia) le ho conquistate!!!
    Spero di pubblicare al piu’ presto qualche video!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: