Archivio per marzo, 2010

Viaggiatori pettegoli………….

Posted in Nadia e Flavio with tags on marzo 30, 2010 by nadiaflavio
Oggi ho preso l’autobus per andare in centro.
E’ da un bel po che non lo facevo.
Non amo troppo questo tipo di pubblico trasporto.
Si sta tutti affollati con il naso ad un centimetro dalle ascelle sudate degli altri.
I pivelli seduti e gli ottantenni in piedi tremolanti.
I profumi dalle fragranze piu’ strane che si mescolano a formare  un cocktail nauseabondo.
Gente che ti tossisce in faccia…chi spinge,chi tocca, chi si struscia, chi, con la scusa della calca, molla puzzette e poi facendo finta di niente osserva tutti con sguardo accusatorio.
No proprio non mi va.
E poi non si arriva mai.
I viaggi sono interminabili.
Quello che mi ha colpito di piu’, pero’, sono i discorsi della gente.
In un clima di elezioni, sfascio politico, crisi economica, disoccupazione, inquinamento, delitti irrisolti…quello che piu’ preoccupava i passeggeri era:
“Veronica e Sarah stanno insieme”
“Hai visto che Ricky Martin e’ gay!!”
“Certo che ha piu’ corna in testa la  Sandra Bullock che un cesto di lumache.”
“Per me era piu’ logico vincesse Loredana ad amici, Emma proprio non mi piace!”
“Senza dubbio la Milo deve abbandonare l’isola…e’ stressata fisicamente.”
Ma bastaa!!!
Voglio arrivare alla fermata il piu’ presto possibile, non ce la faccio piu’:
fatemi scendere o piuttosto datemi un telecomando.
Voglio spegnerli tutti , quantomeno fare come George Clooney…cambiare Canalis!!!
PS.  Che la coppia Clooney-Canalis fosse in crisi l’ho saputo dal conducente.
by Flavio

AUGURI PADRI…..NE AVETE BISOGNO!!!!

Posted in Nadia e Flavio with tags on marzo 19, 2010 by nadiaflavio
Oggi e’ la mia festa, o meglio, oggi e’ anche la mia festa.
Da quando un pomeriggio, (o era di notte? Vabbe’ l’importante che ero io!!!) da quando un pomeriggio di circa dodici anni fa, concepen…concepind…portando a concepimen….insomma cosando con mia moglie sono entrato nella  numerosissima schiera dei padri!
Auguri quindi a tutti i papa’ del mondo, me compreso!!
Certo, che fare il padre e’ un mestiere assai difficile.
Per chi non lo fosse ancora vorrei dire:
non fatevi ingannare da quell’inizio di sette minuti, preliminari compresi, che vi danno il diritto di entrare nel club dei neo-papa’, perche’ non sara’ sempre cosi’ veloce e semplice, ma soprattutto nulla e sottolineo nulla, sara’ piu’ come prima!!!
Oddio, in principio sara’ tutto rosa e fiori; camminerete su una nuvola a due metri da terra insieme alla vostra dolce meta’ , che nel frattempo sara’ diventata la vostra tre quarti.
Tutto sara’ condito da dolci frasi, da gesti di tenerezza, di bisbigliamenti, di carezze:
“Oh, metti la manina, lo senti ? Incomincia a dare i primi calcetti..che bello….come lo chiamiamo?”
“Mah, se riesce ad uscire da dove sono entrato io, perche’ non lo chiamiamo Houdini?”
Poi, inprovvisamente, la vostra ex meta’ oltre che a lievitare a vista d’occhio neanche l’aveste fecondata col Bertolli , mutera’ geneticamente in un crescendo Rossiniano:
Passerete sette dei nove mesi che vi separano all’evento a sgrannocchiare biscotti alla cannella davanti a camerette dell’Ikea, negozi di abbigliamento pre-maman, centri per l’infanzia, provare ad aprire e chiudere passeggini progettati da qualche ingeniere squilibrato, a chiedere  a  future mamme ,grasse come balene, nella sala di attesa della ginecologa:
” Ma tu di quanto sei? “
“Due mesi…..”
E avere la faccia come il deretano di rispondere:
“Ma davvero, non si direbbe proprio!!!”
Il culmine lo toccherete nel momento che vostra moglie vi svegliera’, rigorosamente in piena notte, allargandovi le palpebre con le dita ed urlandovi da due centimetri ,come fece Mose’ al suo popolo in fuga dall’Egitto:
“Ho rotto le acqueeeeeeeee!!!!!!!”
E voi bisbiglierete ancora assonnati..
“Chiama l’idraulico!”
Da li’ in avanti, futuri padri, preparatevi, perche’ sara’ un insulto unico….riceverete epiteti che non osereste dire  neanche al vostro peggior nemico, ma soprattutto cattiverie che quell’arpia rigonfia che avete davanti, vi ha tenuto nascosto fino ad allora..sputtanandovi davanti ad ostetrica e dottore di sala….
“Respira amore…..”
“Vaffanculo…….vaffanculooooo…..ufff ufff…..Vorrei che ci fossi tu qui al mio posto…tu che l’altra volta per un principio di emorroidi la facevi cosi’ lungaaaa…puff puff…
“Ma amore…”
“Ma quale amoreeeee……..uff ufff …..stai zittoooo..”
“Va bene, vuoi che…..”
“stai zittooooooooooooooooooooooo….puff puff…”
Cazzo, ma non era meglio una volta quando si stava nel corridoio a fumarsi un bel pacchetto di Marlboro in santa pace?
No, ora devi partecipare e collaborare.
C’e’ anche chi filma…Ma cosa riprendi in quel momento? E poi che fai? Inviti tutti gli amici a casa per far vedere il filmato di  tua moglie a gambe larghe e magari, mentre sei li’ che ti mangi un gelato , commenti:
“Guardate, attenti eh? Ora si allarga di brutto…….”
Poi…finalmente la nascita.
Esci dalla sala gasato come un mandrillo in amore, asciugandoti la fronte davanti ai parenti che si complimentano con te come se avessi dovuto scalare il monte Everest con un filo interdentale, e tu, che compiacente, bastardamente compiacente, stringi centinaia di mani sudate, ringraziando tutti, pure gli sconosciuti.
Poi…..l’infermiera, improvvisamente, ti chiama :” Venga deve fare il bagnetto.”
“No grazie, mi sono rinfrescato poco fa……”
“Ma non lei..deve fare il bagnetto a suo figlio!”
“Ah, scusi..sa lo stress…..”
Entri in una saletta dove ci sono salviettine profumate, cremine, asciugamanini colorati e lo/la vedi davanti a te…quell’esserino indifeso, ancora un po’ gonfietto e rosso in viso (Il rossore e’ normale, non preoccupatevi. Se siete Nord Europei ed il bimbo e’ nero, invece, preoccupatevi!!!) che vi strilla davanti agitando le gambette, e allora lo guardate negli occhietti ancora chiusi e pensate….”Ma questo l’ho fatto veramente io?”
Nei giorni seguenti quando lo terrete in braccio , un brivido vi scendera’ lungo la schiena, allora chiuderete gli occhi anche voi…. la vostra mente si  scordera’ di tutti i giorni passati e sara’ gia’ proiettata verso il futuro…..vi vedrete giocare e correre  con un ragazzino bello e biondo, inseguirvi liberi e felici per un prato ridendo come pazzi, sentirete la brezza scompigliarvi i capelli, percepirete forte la gioia, vibrare l’emozione di essere finalmente padre, avvertirete un forte senso di responsabilita’, un forte appagamento, un forte…fortissimo…odore di….di…..di merda?
Apritete gli occhi e vedrete che il marmocchio non piangera’ piu’ per il momento, ma vi sorridera’ con aria beffarda..mentre vostra moglie nel frattempo, tornata forse normale…vi dira’:
“Be’ amore che aspetti……vai a cambiargli il pannolino!!!!”
by Flavio.

Spirito di…grappa!!

Posted in Nadia e Flavio with tags on marzo 12, 2010 by nadiaflavio

Mercoledi’ 10/03/2010. Ore 23.00
Finalmente  ho rotto la mia storica bottiglia di grappa alla liquerizia ed ho liberato i  quindici tronchetti che per anni hanno dato l’aroma al prezioso distillato.
In realta’ la grappa originale mi era durata da natale a santo Stefano, ma ho fatto parecchi rabbocchi nel tempo.
L’ultimo, due mesi fa.
Questa sera, l’epilogo, con la rottura della bottiglia, appunto, ed il prelevamento dei quindici tronchetti, intrisi a tal punto da  cambiare il colore della corteccia.
Li ho appena prelevati  e messi ad asciugare in un panno, tutti e quindici.
Giovedi’ 11/03/2010.ore 14.00
Li ho trovati pronti, asciutti, per alleviare la mia oramai semestrale lontananza dal fumo.
Belli secchi, tonici, aromatici, compatti.
Li ho riposti nella vecchia scatola in rovere dove tenevo la mia pipa ed il tabacco Irlandese:
uno, due, tre, quattro…senti che profumo….cinque, sei, sette, otto…che fragranza…..nove, dieci, undici, dodici, tredici, quattordici.
Ah, uno me lo voglio proprio gustare dei…….quattordici?
Ma non erano quindici?  Boh, come diceva quel filosofo, mi saro sbagliato nel confondermi!!!!
Venerdi’ 12/03/2010 ore 20.00
Nadia:”Ah, senti, tuo figlio da stasera e’ in castigo per una settimana!”
Flavio:”perche’?”
N.:”Perche’ la maestra mi ha detto che questa mattina si e’ presentato in classe tenendo in bocca un reganisso (tronchetto di liquerizia) e continuava a ridere tutto il tempo senza motivo….se comincia a fare cosi’ in prima elementare, stiamo freschi…pensa gli ha detto di buttarlo via e lui continuava a ridere…ma guarda che ci vuole un bello spirito…
F:” di grappa…….”
N:”Come?…..”
F:”Niente..niente, come non detto!!!”
Flavio

Calabria…..arrivo…pardon, arriviamo!!!!

Posted in Nadia e Flavio with tags on marzo 4, 2010 by nadiaflavio
Quest’anno ho deciso, pardon, abbiamo deciso:
A Luglio si va in Calabria e precisamente a Scalea.
Perche’ proprio a Scalea?
Primo perche’ i Calabresi, non so perche’,  mi stanno particolarmente simpatici con quella parlata tutta aspirata al sapore mediterraneo di peperoncino di Soverato e N’duia e poi, soprattutto perche non ci sono mai stato, ehm, pardon , non ci siamo mai stati..ne’ a Scalea e ne’ in Calabria.
Veramente, in Italia, non sono mai sceso piu’ a sud di Roma se escludo una parentesi di venti giorni a Taranto:
ma si trattava di  vacanza obbligata (militare) e quello che mi ricordo sono solo i muraglioni di cinta della caserma, le guardie, le urla dei superiori, le marce sotto il sole e dei cessi da film horror.
Devo dire che mi spaventa , e non poco, il viaggio.
Non tanto per la distanza, quanto per mio figlio piu’ piccolo, Mirko, che, solitamente quando e’ seduto in auto, dopo circa dieci minuti dalla partenza, mi chiede quando arriviamo a destinazione con la costanza di un rubinetto che perde o di un martello pneumatico in azione.
Cosi’, ho deciso..scusate, abbiamo deciso, di partire di notte.
Abbiamo anche gia’ stabilito i turni di guida:
Iniziero’ a guidare io e la Nadia dormira’ e si riposera’, poi guidera’ la Nadia ed io staro’ sveglio e mi agitero’.
“Come? Ma nooo, lo so che guidi bene…ma e’ per la prudenza.
Non ti preoccupare…”
Scusate…ma c’e’ mia moglie accanto a me.
Insomma arrivero’ distrutto ma credo che ne valga la pena.
So che e’ prematuro, che mancano  ancora un sacco di giorni ma nel frattempo spero di ricevere da tutti gli amici blogger consigli su cosa e perche’ visitare in zona.
Insomma, vorrei (vorremmo) raccogliere un po di informazioni utili da chi ci abita o magari ci e’ gia’ stato.
Nel frattempo ringraz….o meglio, io e la Nadia, che sta sempre qui vicino a me, ringraziamo per eventuali notizie e consigli.
by Flavio