Quell’invito inaspettato

las1
Luca, lo ricordo come il ragazzo piu’ avaro che abbia mai conosciuto.
Aveva le ragnatele nel portafogli.
Luca, era un ragazzo della compagnia ed io non lo vedevo da anni.
Sabato mattina l’ho incontrato casualmente in un ufficio postale e mi ha invitato a casa sua, per il Venerdi’ sera successivo.
Mi ha chiesto, se non mi fossi offeso, di lasciare i bimbi a qualcuno in modo da stare un pochino piu’ tranquilli per poterci ricordare i vecchi tempi .
Lui avrebbe fatto lo stesso con i suoi.
Ci ha invitato per le 21.3o che per noi e’ un po tardi per cenare, comunque, ho accettato.
Quel Venerdi’ sera, dopo aver portato i  figli da mia madre, passo con la Nadia a prendere paste fresche e fiori per la moglie.
Intanto l’orologio segna le 21.10 ed il mio stomaco comincia a protestare di brutto.
“Che fame, non sono abituato a cenare cosi’ tardi..poi oggi ho mangiato solo un tramezzino, figurati! “
” Lo so, a chi lo dici.
Resisti dai che tra un po arriviamo!”
21.24 saliamo sull’ascensore del lussuoso palazzo.
Arriviamo davanti alla porta di casa, nel pianerottolo un profumino invitante..di ragu’.
“Mmmm, senti senti…chissa’ che manicaretti han preparato…pensare che lui e’ sempre stato un tirchione, devo dirti che questo invito a cena mi ha proprio sorpreso in positivo!”
21.27 suono il campanello.
Mi apre la porta Luca con un sorriso stampato sul volto che non dimentichero’ tanto facilmente.La moglie, anch’essa. sorridente alle sue spalle:
” Ciao Nadia, ciao Flavio. Prego accomodatevi.
Ho preparato un bel caffe’, lo prendete vero?
Abbiamo aspettato a farlo cosi’ ce lo beviamo insieme davanti alle diapositive del matrimonio.”
Guardo la Nadia con la faccia di chi ha appena appreso la piu’ brutta delle notizie, lei mi ricambia con uno sguardo sconsolato di chi ha appena capito tutto.
Quel silenzio imbarazzante ed interminabile e’ rotto solo dalla voce della moglie:
“Piacere sono Silvia.
Scusate per l’odore di cibo che viene dalla cucina..non riesco a farlo andare via…eppure abbiam cenato alle sette..ho fatto le lasagne al forno e Luca se le e’ sparate tutte! Aveva una fame!”
“Ah, la mia mogliettina cucina da Dio!”
“Im…immagino….”
Per la cronaca, le paste han preso la direzione del frigorifero e non le abbiamo piu’ viste come spero quei due…….per sempre!
by Flavio

9 Risposte to “Quell’invito inaspettato”

  1. Mammamia ragazzi, ma c’avete il lanternino anche voi eh..
    Certo che, io per dire, le paste nel dubbio le avrei lasciate in macchina, ricordando le ragnatele nel portafoglio di Luca, o forse non le avrei comprate ecco..
    😀
    mi spiace però..

  2. che avventura ! io credo però che almeno le paste avresti potuto chiedergliele, magari con la scusa “sai, a noi con il caffè un dolcetto piace molto, le ho portate proprio per questo motivo”.

  3. X nsuc:
    Averlo saputo, era da mangiarle tutte a meta’ e consegnargliele cosi’!
    x digeixav:
    Rischiavo di sentirmi rispondere…porca miseria, si e’ rotto la caffettiera, che ne dici di un po’ d’acqua……..del rubinetto, s’intende?

  4. A volte c’è un motivo se le strade della vita ci separano da qualcuno… 😀

  5. A me è successo 5 anni fa una cosa simile. Eravamo in 4 coppie. Una che conoscevo appena si è offerta di preparare il capodanno a casa loro. Naturalmente abbiamo diviso le spese e loro hanno comprato tutto. La cifra era di 15 euro a coppia per i piatti freddi e dolce. Il bere lo portavamo noi compreso il spumante.
    Abbiamo visto un solo un misero piatto di tartine..forse due a testa. (il frigo era pieno di roba) Il dolce è apparso solo perchè una ragazza lo ha chiesto all’una di notte. Il caffè lo abbiamo bevuto in bicchieri di plastica con il nostro nome scritto a pennarello, gli stessi della cena. Per mescolare il caffè abbiamo dovuto tenere da parte il cucchiaino del dolce tronchetto natalizio. Praticamente quella cena al massimo poteva costare 5 euro a coppia. Noi siamo andati via affamati e arrabbiati. Il resto degli amici si sono incavolati il giorno dopo con questi tirchioni. Da quella volta non abbiamo più visto la “coppia ladra”. Mesi fa ho saputo che si sono costruiti una villa.
    Bacioni ^_^

  6. x chit
    concordo.Come si dice in questi casi: a mai piu’!
    x Dolcelei:
    Addirittura una villa? Una vera e propria associazione a delinquere la coppia dei tirchioni….

  7. Ahi ahi ahi!!! Io l’avrei detto di avere una fame della madonna, e li avrei invitati al ristorante sotto casa loro!!!

  8. un consiglio: “attenti a quei due” :))
    ma dimmi un po’ , sei rimasto lì a stomaco vuoto a guardare le foto del matrimonio?
    che avventura! 😦

  9. X Baku:
    Si, hai ragione.
    Ma quelli erano capaci di accettare e presentarsi senza portafogli.
    x Elle:
    Proprio cosi’.
    Ma direi che disavventura!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: