Archivio per calendari veline soubrette gommisti parucchieri meccani

Tutti pazzi per i calendari?

Posted in Nadia e Flavio with tags on dicembre 21, 2007 by nadiaflavio
cal.jpg
Tutti pazzi per i calendari?
A giudicare dal numero di copie vendute in tutta la penisola si direbbe proprio di si.
Non parlo ovviamente di quelli sportivi, religiosi, naturalistici, tematici, commerciali ecc..ma di quelli sensuali, ammiccanti, provocanti.
Siccome su questi l’offerta è ampia perchè tale è la domanda , c’è da chiedersi come mai la maggior parte degli uomini quando arriva la fine dell’anno aspettano con trepidazione l’uscita dei fatidici dodici mesi con le bellone di turno stampate su carta patinata mostranti centimetri sempre crescenti di pelle nuda.
Si, va bene, siamo tutti concordi noi maschietti nel dire che è un bel vedere, ma a tutto c’è un limite.
Oramai è diventata una moda per le attricette, veline, schedine, soubrettine , pornodive di turno quella di cimentarsi di fronte all’obiettivo.
Non sei considerata nel giro che conta se non hai all’attivo almeno un calendario alle spalle.
La cosa buffa è che le protagoniste, quando vengono intervistate dal Cocuzza di turno, se ne stanno tutte sulla difensiva trincerandosi dietro a frasi fatte del tipo:
“Ah, ma il mio a differenza degli altri è un nudo artistico, per nulla volgare”.
Dai ? Per davvero?
Infatti: “Che artista!” è quello che pensano tutti mentre posano gli occhi sul tuo culetto nel mese di Febbraio, ma è rivolto a tua madre che ti ha messa al mondo più che a te.
Oppure:
“Si, ma l’ho fatto a scopo puramente benefico per una causa che ritengo profondamente giusta.”
E quale?
Quella contro l’estinzione del maschio pipparolo?
Mai che se ne senta una ammettere di essersi spogliata solo per una questione di vil denaro e pubblicità.
Diciamo la verità, questi calendari sono noiosi, tutti uguali: stesse pose, stesse espressioni da donna vissuta, stessi luoghi nello sfondo (tanto chi se ne accorge?)
Le foto quand’anche bellissime sono tutte ritoccate al computer : vedi la stessa ragazza al mare sulle riviste gossip fotografata da qualche paparazzo e ti spaventi…”belin, mi hanno fregato! qui è tutto un festival di smagliature e cellulite !”
Eppure vanno a ruba.
Ma chi li compra? Uno che è single, per forza, se lo piazza in camera e via.
Ma chi è sposato o fidanzato? Cosa fa?
Lo tiene sotto il letto e gli da una sbirciatina ogni tanto di nascosto?
Personalmente a parte parucchieri, carozzieri, meccanici e gommisti io non riesco ad immaginare chi li possa appendere e dove.
Tra l’altro sono anche poco pratici…non c’è neanche lo spazio per scrivere appunti e non sarebbe neanche elegante annotare “domani viene il prete a benedire” su una natica o su una quarta di seno.
Al contrario, per molti, potrebbe essere un buon promemoria scrivere “comprare il latte” su una tetta , ” devo tosare il cane ” sul pube o devo giocare al lotto su una chiappa.
Resta comunque il fatto che sono inadatti  allo scopo.
E poi le mogli in genere non la prendono mai troppo bene:
come quel signore maschilista e un pò violento , appassionato del settore, che si è letteralmente tappezzato la casa.
L’altra sera la sua compagna esasperata dalla situazione, forse per non sentirsi da meno, in un moto di orgoglio gli ha rinfacciato in slip e reggiseno “Ora basta! Voglio fare anch’io il calendario! Appesa sulla parete devi mettere solo me!”
Lui l’ha guardata con aria di sfida e ha detto “Va bene !”
Immediatamente dopo ha fatto partire un malrovescio che l’ha attaccata al muro!
Meno male (per la signora) che è quasi finito l’anno.
by Flavio
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.